Iscrizione

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento e monitorare la conferma.
Nome utente*
Parola d'ordine*
Conferma password*
Nome di battesimo*
Cognome*
E-mail*
Telefono*
Indirizzo di contatto
Paese*
* Creare un account significa che accetti i nostri Termini di servizio e l'Informativa sulla privacy .
Si prega di accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

sei già un membro?

Login

Povertà infantile: una sfida globale da superare

Cifre in continua evoluzione dopo la guerra in Ucraina e il conflitto in Medio Oriente, soprattutto nei Paesi in guerra.

Con più di due miliardi di bambini nel mondo, di cui 86% nei paesi in via di sviluppo, la realtà allarmante è che quasi un miliardo, ovvero un bambino su due, vive in povertà. La povertà infantile va oltre gli aspetti finanziari, manifestandosi in gravi privazioni nei settori cruciali della nutrizione, dell’istruzione e della salute.

Tra i 90 milioni di bambini che soffrono di gravi carenze nutrizionali, o 16% di età inferiore ai 5 anni, l’accesso a un’alimentazione adeguata rimane una lotta quotidiana. Allo stesso modo, 13% dei bambini tra i 7 e i 18 anni non hanno mai frequentato la scuola, con disparità tra i sessi (16% per le ragazze e 10% per i ragazzi). Più di un miliardo di bambini sperimentano almeno una forma di grave deprivazione e quasi 70% di loro ne subiscono almeno due, a dimostrazione dell’effetto cumulativo di queste deprivazioni. Le regioni rurali sono particolarmente colpite da questa preoccupante realtà.

I bambini, che costituiscono un terzo della popolazione studiata, sono paradossalmente la metà delle persone che vivono in condizioni di estrema povertà. I più piccoli sono i più vulnerabili, con oltre un quinto dei bambini sotto i cinque anni che vive in famiglie estremamente povere.

Anthony Lake, direttore esecutivo dell'UNICEF, sottolinea che non solo i bambini hanno maggiori probabilità di vivere in condizioni di povertà estrema, ma sono anche loro a subire gli effetti più dannosi di questa situazione. Questa realtà ostacola lo sviluppo fisico e mentale dei bambini, ponendo grandi sfide per il loro futuro.

Questa analisi si inserisce nel contesto di una nuova ricerca del Gruppo della Banca Mondiale, che rileva che quasi 767 milioni di persone in tutto il mondo vivevano con meno di 1,90 dollari al giorno nel 2013, metà dei quali avevano meno di 18 anni.

Ana Revenga, direttrice senior del Centro per la riduzione della povertà e della disuguaglianza del Gruppo della Banca Mondiale, sottolinea la necessità fondamentale di investire nella prima infanzia, nell'assistenza prenatale, nello sviluppo della prima infanzia, nell'istruzione di qualità, nell'accesso all'acqua pulita, in servizi igienico-sanitari adeguati e nella copertura sanitaria universale. Spezzare il ciclo della povertà intergenerazionale richiede un miglioramento significativo di questi servizi per fornire opportunità di lavoro di qualità ai bambini di oggi.

La valutazione globale della povertà infantile estrema si basa su dati provenienti da 89 paesi, che rappresentano l’83% della popolazione nel mondo in via di sviluppo.

L’Africa sub-sahariana ha il tasso più alto di bambini che vivono in povertà estrema, quasi 50%, e rappresenta anche la quota maggiore di bambini estremamente poveri nel mondo, superando 50%. L’Asia meridionale è al secondo posto, con circa 36%, di cui oltre 30% nella sola India. Più di quattro bambini su cinque che vivono in condizioni di estrema povertà risiedono in aree rurali.

Il rapporto evidenzia che, anche a soglie più elevate, la povertà continua a colpire in modo sproporzionato i bambini. Circa 45% di bambini vivono in famiglie che sopravvivono con meno di 3,10 dollari al giorno per persona, rispetto a quasi 27% di adulti.

L’UNICEF e il Gruppo della Banca Mondiale invitano i governi a misurare regolarmente la povertà infantile, a rafforzare i sistemi di protezione sociale, a dare priorità agli investimenti nell’istruzione, nella sanità, nell’acqua pulita, nei servizi igienico-sanitari e nelle infrastrutture a beneficio dei bambini più poveri, e a guidare le decisioni strategiche in modo che la crescita economica favorisca la povertà infantile. bambini più svantaggiati. Insieme ai loro partner, si impegnano a spezzare i cicli di povertà e a promuovere lo sviluppo della prima infanzia attraverso una vasta gamma di programmi, dai trasferimenti di denaro alla nutrizione, all’assistenza sanitaria e all’istruzione.

Articoli correlati

lascia un commento

it_ITIT